PCTRIO - il portale del software gratuito
Visualizza il feed RSS

Guide Hardware Software by PCTrio

Connessione ADSL - Linee Guida

Valuta questo inserimento
di su 9th May 2010 di 17:54 (6038 Visite)
Questa non vuole essere una guida, ma più semplicemente un vademecum su ciò che ad oggi è l’argomento di maggior frequenza all’interno del Forum di “PcTrio”: la linea ADSL


La quasi totalità degli utenti dispone di una connessione ADSL, funzionante o 'problematica' che sia, infatti, la bontà di questa, spesso dipende più da problemi che l’utente (spesso inconsapevolmente!) si ritrova nella propria abitazione, come ad esempio un vecchio impianto telefonico, il cattivo funzionamento dei filtri o la totale mancanza di essi ecc. che da problemi legati alla centrale o ancora al proprio provider internet (il fornitore della linea ADSL).

Oggi affronteremo questo argomento, oltre all’aspetto WIFI, cui dedicheremo all'occasione una parentesi a parte.
Prendiamo in considerazione un caso classico, un utente medio, dispone di un PC fisso ed un portatile che collega in Wifi, diciamo che il modem è un classico ethernet con 4 porte per poter collegare via cavo 4 PC e la classica antenna (per la WLAN, Wireless LAN, ovvero per potersi collegare alla rete, senza l'impiccio di lunghi e scomodi cavi di rete).

Ha una portante ADSL che si attesta sui 5000Kbps in download e 320Kbps in upload. Verifica la propria linea con uno dei tanti siti per calcolare la velocità ed il risultato è che scarica a 1000Kbps ed invia a 200Kbps, il primo pensiero che gli viene in mente è che il provider ha qualche problema, per non dire che faccia sch**o!………Errore madornale !!!


Come dice un vecchio proverbio, prima di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, togli la trave che hai d’avanti ai tuoi………
Un PC appena formattato con una linea ADSL perfetta, con un perfetto impianto fonia, spesso da il massimo di se stesso, poi NOI ci aggiungiamo vari applicativi come Antivirus, Firewall, ed altri ancora, che per una minima percentuale rallentano la connessione, ma se fossero solo questi, effettivamente, gli elementi causa al problema, probabilmente non ce ne accorgeremmo nemmeno!

NOI però non ci fermiamo, e ci installiamo pure software del tipo Emule, Bit Torret ed altro software che rientra nella categoria del P2P , dimenticandoci che queste applicazioni, se è vero che ci permettono di CONDIVIDERE i file (quelli legali, quindi NON protetti dai diritti d'autore, come ad esempio le distribuzioni dei sistemi liberi!) è altrettanto vero che ci inchiodano praticamente la nostra linea ADSL se non sono stati debitamente configurati in modo tale da soddisfare sia le esigenze del software medesimo, sia per permetterci di fare anche altro, come la normale navigazione di siti web.


Ma facciamo un esempio lampante, provate a caricare su un sito come Rapidshare – Megaupload - Mediafire un file di 8-10 MB, e mentre avviene l’upload provate a navigare, o a scaricare qualche file da un server veloce. Vedrete che la vostra velocità di download, ammesso che parta, sarà ridotta al lumicino. Questo accade, perché quando occupiamo la banda in Upload stiamo dando il massimo di essa, tant’è che la velocità di upload delle connessioni ADSL standard è sempre (salvo specifiche richieste) del 8% rispetto a quella di download, esclusa la fibra ottica di Fastewb per i pochi eletti che hanno la fibra sotto casa e che se la possono permettere in termini di costi.


L’esempio appena fatto calza a pennello con Emule, perché anche se NON si scarica nessun file, la nostra cartella di condivisione è SEMPRE in contatto con gli altri utenti e quindi il consumo di banda in upload c’è sempre, conseguentemente ci “inchioda tutto”. Quindi si deve agire sia sulle fonti alle quali ci si collega, sia sulla velocità di trasferimento in Upload.
Passiamo però all’aspetto tecnico che è la cosa che c’interessa di più affrontare qui, facendo degli esempi pratici. Ipotizziamo di collegare il modem via cavo ad un PC, prima di imprecare contro il nostro provider, iniziamo a controllare delle cosette in casa. In primis che i filtri siano presenti su tutti i telefoni



Esempio 1
Ho in casa 4 prese telefoniche 2 telefoni 1 modem, BENE noi metteremo i filtri sui 2 telefoni, se uno dei telefoni è nella stessa presa che si utilizza per il modem, inseriamo il filtro nella presa e poi colleghiamo ad esso sia il MODEM che il telefono.


Esempio 2
Ho in casa 4 prese telefoniche 4 telefoni, quindi dobbiamo mettere 4 filtri


Esempio 3
Ho 4 prese telefoniche e nessun telefono, perfetto non serve nessun filtro.


Esempio 4 (caso particolare)
Ho 4 prese telefoniche , e 1, o 2 , o 3 oppure 4 telefoni, o addirittura un centralino, o, ancora, nella mia abitazione dispongo di telecontrollo , teleallarme, telesoccorso, o antifurto collegato alla centrale di polizia, o banalmente NON voglio metter un filtro cada presa, ma un unico “grosso filtro ADSL”, allora in questo caso devo dotarmi di uno Splitter.

Ne esistono di varie tipologie, ma possiamo suddividerli in 2 categorie:
Installazione fai-da-te (con prezzi accessibili)
Installazione da un tecnico della telefonia (sicuramente più professionali e più costosi)

Lo Splitter DEVE esser installato sulla prese principale (a monte quindi) di tutto l’impianto, e a questo Splitter collegheremo anche il nostro Modem-Router per fruire della linea dati ADSL, tutte le altre prese secondarie (a valle dello Splitter) saranno già filtrare, quindi potrò usare queste prese per i normali apparecchi telefonici, fax, e modem a 56K, ma NON potrò beneficiare della portante ADSL


Ipotizziamo che, anche con filtro inserito perfettamente, la linea presenti problemi, a questo punto è vivamente consigliato verificare che le prese telefoniche, in particolare quelle abbastanza vecchie, non abbiano un condensatore all’interno, se ci fosse andrà rimosso, ma in questo caso fatevi aiutare da un tecnico, oppure chiamate Telecom per un intervento gratuito (ad oggi!) in casa, per gli altri Provider non sò se l'intervento sia a pagamento, ma a dirla tutta, fondamentalmente, se avete un minimo di confidenza con il “fai-da-te”, non serve disturbare un tecnico specializzato, in internet si trovano illustrazioni e guide su come agire per rimuovere il problema.


Ok, adesso abbiamo i filtri al posto giusto, le prese perfette, ma ancora esistono problemi, vediamo di capire meglio, e quindi stanare anche quest'ultimo ostacolo, con l’ausilio del nostro modem.


Entrante via browser all’interno di esso e dovete cercare la pagina nella quale ci sono i valori della vostra linea, in alcuni modem è nella prima pagina sotto, in altri nella finestra “status”, date una lettura del manuale così da andare a colpo sicuro, ma facciamo un esempio pratico e vediamo di capire i valori.





Questa è la mia linea telefonica ADSL, in casa ci sono 2 prese, ho 1solo telefono cordless, quindi 1 solo filtro, questi valori della linea ADSL cosa indicano?
Guardate questa tabella e capirete da soli.


Rapporto segnale rumore (SNR):

5db o inferiore = male, problemi a sincronizzarsi
8db-13db = non ha problemi di sincronizzazione
14db-22db = molto buona
23db-28db = eccellente
29db-35db = ottima

Attenuazione di linea:

più bassi di 20 = ottima
20-30 = eccellente
30-40 = molto buono
40-60 = medio
60-65 = scarso
oltre 65 = Avrete grossi problemi

A voi interessano 3 voci solamente, ovvero il SNR (Rapporto segnale rumore) e l’attenuazione della linea, il terzo valore il RATE (la portante, ovvero a quanto potete scaricare ed inviare)
Quindi se siete nei valori medi-buoni il problema non dovrebbe essere vostro, ammesso che non utlizziate P2P a palla, quindi guardate il rate per capire realmente il limite che il vostro operatore ha messo alla vostra linea.


La mia linea supporta una ADSL da 20 Mb, come è possibile constatare dal valore Attainable Rate(Kbps)
Upstrem 1094
Downstream 18664


UN ERRORE COMUNE E’ QUELLO DI PENSARE CHE AVENDO UNA LINEA A 7 MEGA SI POSSANO SCARICARE 7 MEGABYTE IN UN SECONDO, NON E’ COSI E SPIEGHIAMO IL PERCHE’.


Megabit è l'unità di misura che rappresenta un milione di bit e viene abbreviata con la sigla Mbit o Mb (da non confondere con Megabyte o MB, dove un byte corrisponde a 8 bit). Questa unità di misura è spesso utilizzata, assieme al Kilobit, in rapporto al tempo (in secondi) per calcolare la velocità di trasmissione di segnali digitali, usata soprattutto per calcolare la velocità di un dato download. Wikipedia
Megabit= unità che misura la velocità di trasmissione di file da un PC “A” ad un “B”;
acronimo Mbps = Mega bit per secondo


Il Megabyte è un’unità di misura dell' informazione o della quantità di dati e fa parte dei vari multipli del byte. Il termine deriva dalla unione del prefisso SI mega con byte, il prefisso mega trae origine dalla parola greca μέγας che significa grande. Il simbolo del megabyte è MB, questo oltre a essere spesso impropriamente considerato solo un abbreviazione (il simbolo è unico mentre le abbreviazioni possono essere più di una causando ambiguità) è anche, a volte, confuso con il simbolo Mb che invece indica i megabit, ossia i milioni di bit. Il discorso fatto sopra può essere esteso a molti degli altri simboli dei multipli del byte il cui uso improprio è spesso causa di molti fraintendimenti soprattutto fra i meno esperti. Wikipedia


M egaByte= unità di misura del peso del file
Quindi per sapere quanti MEGABYTE al secondo riusciamo a scaricare dovremo fare ricorso a operazioni matematiche ed equivalenze.
Ad esempio prendiamo una portante ADSL pari a 8127 Kbps (Kilo bit per secondo) in download.

Kbps 8127 : 1000 = 8.127 Mbps quindi 8.127Mbps : 8 = 1MB/s circa (basta dividere per 1000, dato che il suffisso “Kilo” è sinonimo di mille, e “Mega” di Milione) in sintesi ci dice che teoricamente posso scaricare 1 MegaByte al secondo, quindi un paramentro prossimo a tale valore è da considerarsi attendibile nonchè OTTIMO!


Adesso che abbiamo chiarito il discorso vediamo di capire meglio le differenze tra le varie tipologie di connessioni LAN (Wired, ovvero cablata, con cavo di rete) Wireless (WIFI), definibile anche con la sigla WLAN (Wireless LAN)
Spesso leggiamo sulle confezione dei modem, e sulle specifiche delle schede di rete, dei numeri così: 10/100/1000 oppure sulle schede Wifi 54g 150Nlite 300N questi numeri, e le lettere a seguire, hanno un senso molto importante.

Nel primo caso (10/100/1000) tali cifre, le troviamo sulle schede di rete e nei modem-router (che integrano sempre, al loro interno almeno una scheda di rete!), ed hanno il significato di indicare la velocità massima di tale periferica in esercizio, in Mbps, quindi diciamo che una scheda di rete o router o Hub a 10 è da considerarsi molto vecchio, quelli che hanno invece come riferimento il 100 (la quasi totalità dei modem con 4 porte ethernet ad oggi in commercio) sono sicuramente più veloci ed attuali, per quanto concerne i 1000 direi di soprassedere in quanto servono per grosse realtà, anche se, parrebbero prendere piede (a rilento) anche per realtà ed usi domestici.



Ma la domanda che una persona mediamente intelligente si fa è : a cosa mi serve avere un porta 100Mbps se alla fine dei conti io non vado oltre gli 800 Kb? La domanda è intelligente nel caso utilizzassimo un modem con una sola porta Ethernet e quindi NON abbiamo altri PC interconnessi alla nostra LAN (o WLAN) , ma nel caso disponessimo più di un PC collegato via cavo (tralasciando temporaneamente i PC in WiFi) la cosa diventa meno intelligente e andiamo a spiegare il perché.


Se da un lato abbiamo detto che da internet scarichiamo ha una velocità “X” (che varia a seconda dei valori della portante) è vero anche che, in una rete LAN 2 PC collegati via router ne hanno un’altra: decisamente!

Diciamo che se dobbiamo trasferire un file di 600 Megabyte via cavo ci mettiamo mediamente un tempo “X” (vedremo quale), anche se molto dipende da fattori come la Cpu-Hdd-Chipset, ma ad esempio con il mio PC ci metto 120 secondi che in pratica significa trasferire ad una velocità di 40 Megabit al secondo, che in soldoni significa trasferire mediamente 5 Megabyte al secondo, (in casi ottimali, potreste trasferire i vostri file anche a 8MB/s, difficilmente riuscireste ad andare oltre, anche se TEORICAMENTE potreste raggiungere i circa i 12MB/s) ovviamente la connessione che avviene tra i due PC è via cavo (Wired) perche via Wireless le velocità calano sensibilmente, anzi vi garantisco che se riuscite a trasferire un File all’interno della vostra WLAN, utilizzando un PC che sfrutta la rete WiFi di classe “G” ovvero a 54Mbps, ad una velocità uguale o superiore a 1,5MB/s dovete ritenervi molto fortunati !!

Questo è sempre vero quando si usa il WiFi, quindi anche se lo storage di destinazione è un PC collegato alla rete tramite cavo, o banalmente un vostro Hard Disk Drive sempre collegato alla rete tramite cavo ethernet. (sto parlando dei Nas)


Quindi se dopo quanto detto riscontrassimo ancora problemi alla linea ADSL, a questo punto sia “autorizzati” a iniziare a tempestare il nostro provider di telefonate!
...anche SE, nei contratti che si stipulano con la maggior parte dei provider non c’è la dicitura BANDA MINIMA GARANTITA, anzi spesso viene solo sbandierato ai 4 venti che la linea che viene erogata può arrivare ad un massimo di X Mb/s.
Passiamo adesso al noto problema, che quasi tutti gli utenti di Windows Vista ed anche Windows 7, hanno quando collegano il modem al proprio PC, ovvero il messaggio:


CONNESSIONE LIMITATA O ASSENTE.
Che significa? Semplicemente che la scheda di rete collegata al modem non riesce a trovare una via per internet, vediamo di capire meglio e risolvere questo problema.
Un modem (che non sia USB) quando lo colleghiamo al cavo del telefono/alla presa d corrente, effettua il login automatico e quindi si connette in autonomia, poi aspetta che il nostro PC (grazie alla scheda di rete) si colleghi ad esso e ci catapulti in internet. Per fare questo salto il modem assegna un indirizzo IP alla scheda di rete, in funzione del proprio RANGE di lavoro.


Spieghiamo meglio, quando acquistiamo un modem e lo colleghiamo per la prima volta, dobbiamo settare dei parametri, quindi andiamo a mettere username e password (che ci ha forniti il provider) il tipo di modulazione ed altri parametri, fatto ciò il modem salva nella sua memoria queste impostazioni, affinché quando accendiamo lo stesso faccia in automatico il login. Per fare ciò dobbiamo entrare nella WEBCONFIGURATION (pagina di configurazione) del modem.



Come fare? Semplicemente LEGGENDO il manuale d’uso che nelle prime pagine riporta l’indirizzo IP del modem che di solito è 192.168.1.1 oppure 192.168.0.1 oppure 192.168.2.1 o ancora 192.168.100.1 o altro. Questo significa che il nostro modem avrà sempre l’indirizzo IP con numero finale 1, (a meno di modifiche di configurazione da parte vostra) ed a partire dal numero 2 sino al 254 sono TUTTI indirizzi IP che si possono assegnare ai PC o ad altri dispotivi di rete, ad esempio dei NAS (Hard Disk di rete).
Il problema del messaggio di CONNESSIONE LIMITATA O ASSENTE avviene quando la scheda di rete acquisisce un IP sballato (capita per una serie di ragioni come di driver molto vecchi installati nel sistema) che di solito inizia per 169.x.x.x, la soluzione immediata è assegnare manualmente alla scheda di rete un IP VALIDO affinché via sia comunicazione con il range previsto dal modem.
Se dobbiamo inserire manualmente l’IP dobbiamo sapere delle cose, il range di lavoro del modem, e L’IP del modem, il resto possiamo anche ignorarlo poiché sono valori uguali. Facciamo un esempio


Esempio 1 Modem Alice
Il modem alice ha come RANGE di lavoro 192.168.1.1-192.168.1.254, quindi sapendo che l’indirizzo IP del modem è sempre 192.168.1.1 andiamo a scegliere un IP che vada da 192.168.1.2 sino a 192.168.1.254, allora nella finestra d’impostazione del protocollo tcp/ip inseriremo questi parametri
192.168.1.113 Indirizzo IP della nostra scheda di rete
255.255.255.0 Subnet, questo valore apparirà in automatico appena finito l’inserimento dell’IP e cliccato il box
192.168.1.1 Gateway (è l’indirizzo del Modem e serve affinché TUTTI i PC collegati ad esso abbiamo lo stesso range)
L’ultimo valore da inserire sono i DNS, questi sono molto importanti per la velocità di visualizzazione delle pagine internet, un DNS veloce aiuta a visualizzare velocemente una pagina internet, qui avete 2 strade davanti :
1-lasciare che sia il modem a gestire il DNS affidandosi ai DNS del vostro provider
2-Assegnare un DNS che sapete essere veloce
Quindi se volete la strada 1 andrete a mettere l’indirizzo IP del vostro modem 192.168.1.1, se invece volete scegliere la seconda strada inserite sia il DNS primario che secondario, tipo
8.8.8.8 Primario 8.8.4.4 Secondario (Google)
208.67.220.220 Primario 208.67.222.222 Secondario (Open DNS)


Esempio 2 Modem Sitecom
Il modem Sitecom ha come RANGE di lavoro 192.168.2.1-192.168.2.254, quindi sapendo che l’indirizzo IP del modem è sempre 192.168.2.1 andiamo a scegliere un IP che vada da 192.168.2.2 sino a 192.168.2.254, allora nella finestra d’impostazione del protocollo tcp/ip inseriremo questi parametri
192.168.2.113 Indirizzo IP della nostra scheda di rete
255.255.255.0 Subnet, questo valore apparirà in automatico appena finito l’inserimento dell’IP e cliccato il box
192.168.2.1 Gateway (è l’indirizzo del Modem e serve affinché TUTTI i PC collegati ad esso abbiamo lo stesso range)
L’ultimo valore da inserire sono i DNS, questi sono molto importanti per la velocità di visualizzazione delle pagine internet, un DNS veloce aiuta a visualizzare velocemente una pagina internet, qui avete 2 strade davanti :
1-lasciare che sia il modem a gestire il DNS affidandosi ai DNS del vostro provider
2-Assegnare un DNS che sapete essere veloce
Quindi se volete la strada 1 andrete a mettere l’indirizzo IP del vostro modem 192.168.2.1, se invece volete scegliere la seconda strada inserite sia il DNS primario che secondario, tipo
8.8.8.8 Primario 8.8.4.4 Secondario (Google)
208.67.220.220 Primario 208.67.222.222 Secondario (Open DNS)

Per poter effettuare questi cambiamenti nei propri PC vi lascio un link utile sia per Vista che per Windows 7 Configurazione IP statico con Windows 7

Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Digg Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da del.icio.us Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da OkNotizie Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Google Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Twitter Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Friendfeed Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Bitly Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Livejournal Inviato "Connessione ADSL - Linee Guida" da Facebook

Home  |   Software  |   Drivers  |   Guide  |   Sicurezza  |   Area gestione
Created by - best view 1024x768 and over. - C.F. 92048990524
PCTrio McAfee PCTrio AVG PCTrio Norton PCTrio Google