PCTRIO - il portale del software gratuito
Visualizza il feed RSS

Guide Hardware Software by PCTrio

Aggiornare il Bios

Valuta questo inserimento
di su 28th December 2009 di 16:13 (5251 Visite)
Molte persone credono che aggiornare il bios del proprio computer sia un’operazione da Hacker o da ingegneri termonucleari, questo doc serve a smentirequeste dicerie.
Ma partiamo con ordine, in questo documento affronteremo molti argomenti ed entreremo solo nelle voci più interessanti del Bios tralasciando, ciò che io reputo meno importanti, alcune voci che è meglio non discutere se si è alle prime armi.
Se per caso vi siete chiesti cosa fosse il Bios, e come risposta avete avuto una miriade d’informazioni tutte diverse cercherò di spiegare in parole-immagini cosa sia veramente. Il Bios non è null’altro che un piccolo software che si trova nella scheda madre e serve al Pc per riconoscere i vari elementi che lo compongono oltre che ad avviare il Sistema Operativo “Windows – Linux – etc etc”.



E’ possibile che alcuni di voi non abbiano mai aperto il proprio Pc ma state certi che in tutti i pc, forse in forme diverse, troverete questi componenti.Andiamo ora ad elencare le operazioni da fare per aggiornare il proprio Bios:

1- Identificare la propria scheda madre

2- Scaricare dal sito del produttore della scheda madre il bios aggiornato

3- Scaricare dal sito del produttore della scheda madre il flash

4- Creare un dischetto d’avvio

5- Mettere sul dischetto d’avvio il flash + il bios aggiornato

6- Controllare che sia attivata la funzione d’aggiornamento bios

7- Procedere all’aggiornamento

8- Salvare il vecchio bios

9- Installare il nuovo bios

10- Operazione di riavvio del PC


Sembrano molte operazioni ma vi assicuro che si eseguono tutte in meno di 30 click del mouse. Procediamo con un’analisi più dettagliata.
Identificare la propria scheda madre
Identificare la propria scheda madre è la cosa più importante in assoluto perché se si sbaglia il modello o si sbaglia la REVISION “stesso modello ma fatta in anni diversi” c’è il rischio di compromettere il corretto funzionamento della scheda madre.Ci sono molti modi per eseguire l’identificazione. Nella figura 4 si può vedere la schermata del bios durante l’accensione e più precisamente la fase di scansione delle periferiche.




in basso a sx si trova il Bios String




In questo caso il Bios string è cosi composto 10/07/2002: identifica a che data è aggiornato il bios
8363/686B: identifica il chip set della scheda madre
6A6LM: identifica il tipo di flash che è in uso “in questo caso AWARD”
M4: identifica il produttore della scheda madre
AC-00: identifica il modello è la revisione

Chiarito cosa sia il bios string sconsiglio di usare questo metodo perché un po’ troppo difficoltoso anche se è il più sicuro in assoluto. Un altro alternativo per identificare la propria scheda madre è quello di sfruttare un software che analizzi la stessa e ci riporti tutti i risultati.Da molto tempo affido il compito di sapere queste notizie ad un software chiamato AIDA32 che oltre ad essere un ottimo programma è pure gratuito che non fa mai male.
Una volta installato e lanciato il software, esso eseguirà una scansione completa del vostro pc e vi dirà che bios è presente, chi è il produttore, quale periferiche “modem -scheda video-hard disk -etc.etc.” sono presenti nel vostro personal computer.
Esistono anche altri software come SANDRA, DR HARDWARE, HWINFO, ma a differenza di AIDA32 sono tutti a pagamento oltre che di qualità non migliore (per mia opinione). Con tale software è inoltre possibile sapere che tipo di scheda madre stiamo utilizzando oltre ad una miriade di informazioni sulla propria macchina.

Scaricare dal sito del produttore della scheda madre il bios aggiornato

Una volta scoperto il produttore ed il bios della scheda madre dobbiamo cercare e scaricare il bios aggiornato, che sarà sempre in formato .bin.Il formato .bin significa binario ed è il formato letto dal bios.
Facciamo un esempio: una fotografia per essere riconosciuta all’interno del pc deve avere il formato bmp, jpg, etc., un documento di testo deve avere il formato tx,t doc, etc., un foglio di calcolo sapete benissimo che deve avere in formato Excel Il formato per il Bios sara’ sempre xxxx.bin
Per recuperare il bios aggiornato è necessario andare all’interno del sito del produttore e cercare il file .bin con una data diversa da quella del bios string. Ricordate sempre di annotare il bios string su di un foglio cosi da poter leggere quale data ha il vostro bios attualmente installato. Una volta reperito si scarica e si mette in una cartella (es. documenti)
CONTROLLATE SEMPRE UNA VOLTA SCARICATO IL BIOS, CHE QUESTO ABBIA LE STESSE DIMENSIONI CHE SONO INDICATE SUL SITO DEL PRODUTTORE ONDE EVITARE CHE IN FASE DI DOWNLOAD CI SI PERDA ANCHE SOLO UN BIT ALTRIMENTI L’AGGIORNAMENTO NON SARA POSSIBILE.
Il metodo migliore sarà quello di cliccare sul file appena scaricato con il tasto destro, andare su proprietà e controllare la dimensione.

Scaricare dal sito del produttore della scheda madre il flash

Nella stessa sezione dove troviamo il bios aggiornato, troveremo sicuramente anche il Flash. Il Flash è il software necessario all’aggiornamento del bios senza il quale non si potrà eseguire l’operazione. Questo software cambia in funzione del produttore. Nell’esempio delle foto il flash è un Award ma esistono anche altri Flash come AMI e MICROSYSTEM. Provvediamo a scaricare anche questo file stessa cartella del bios.

Creare un dischetto d’avvio

Inserite un dischetto nel vano floppy, formattatelo con la procedura: start > avvio > esegui > FORMAT A: /S. Una volta fatta quest’operazione avremo un dischetto di avvio.

Mettere sul dischetto d’avvio il flash + il bios aggiornato

Questa è l’operazione più semplice di tutta la procedura Andate nella cartella dove abbiamo salvato il bios ed il flash cliccate con il tasto destro e selezionate “Invia a floppy”.Una volta eseguita quest’operazione abbiamo finito la preparazione del dischetto e siamo quasi pronti per l’aggiornamento.

Controllare che sia attivata la funzione di aggiornamento bios

Alcuni produttori di schede madri mettono una funzione che non permette di aggiornare il bios a meno che non si modifichi una voce sotto il bios stesso o non si rimuova un jumper dalla scheda madre (per i pc più vecchi). Questa funzione si spiega perché negli anni passati i peggiori virus, senza questa protezione, riuscivano ad entrare nel bios e distruggere la macchina.

Vediamo ora come abilitare la funzione sotto bios e con il jumper.Per entrare nel bios dovete riavviare il pc (ricordate di togliere il floppy precedentemente creato).
Quando riavviate il Pc dovete tenere premuto in tasto canc





La pressione di questo tasto vi darà l’accesso al bios che vi apparirà in questa schermata




Ricordo che questa schermata si riferisce al bios AWARD anche se gli altri sono simili e le voci che ci interessano avranno più o meno gli stessi riferimenti.Adesso è necessario andare nella voce ADVANCED CHIPSET FEATURES spostandosi con le frecce poste sulla tastiera




Una volta selezionata la voce ADVANCED CHIPSET FEATURES premere invio/enter sulla tastiera accedendo alla schermata che segue




Come noterete la voce SYSTEM BIOS CACHEABLE sarà impostata su disabled ciò significa che sarà possibile aggiornare il bios. Nel caso fosse settata su enable sarà necessario portarsi con le frecce su enable premere invio/enter e selezionare disabile.
Per ciò che riguarda il jumper bisogna fare riferimento al manuale della scheda madre, quindi se non lo avete, identificate la vostra scheda madre e cercate il manuale sul sito del produttore.
Per uscire dal bios bisogna sempre premere il tasto F10 + INVIO che serve a salvare le modifiche e ad effettuare il riavvio del pc. In alternativa selezionate dal menu bios la voce SAVE & EXIT SETUP per salvare il lavoro e riavviare o EXIT WITHOUT SAVING che significa esci senza salvare




In altri bios la voce potrebbe essere BIOS CACHEABLE o simile. Eseguire la stessa operazione.> Un’altra cosa da controllare è il boot. Esso è la sequenza delle periferiche che il bios legge per prime. Il valore impostato di solito è A ”FLOPPY”, C “HARD DISK”, D”CDROM”
In parole povere appena il pc si avvia, la prima periferica dove cercare il file d’avvio per il sistema operativo sarà “A” il floppy poi “C” l’hard disk e in fine “D” il cd rom. Se siamo sicuri che il boot inizi dal floppy passare alla fase successiva ma se non si sa procedere nel seguente modo: riavviare il pc tenere premuto il tasto Canc per entrare nel bios una volta entrati come da figura 7 selezionare la voce ADVANCED BIOS FEATURES (figura 11) e premere il tasto invio/enter per entrare alla schermata seguente.





Una volta entrati bisognerà cercare la voce
BOOT SEQUENCE
START BOOT
BOOT 1 BOOT 2
Le diciture variano in funzione del tipo di bios AWARD, AMI, etc.La figura 12 che segue mostra come in questo bios AWARD si presenti il BOOT





Come vedete la prima periferica ad essere interrogata è il floppy che è in FIRST BOOT DEVICE, la seconda è l’hard disk poi il cd rom. Se fossero in posizioni diverse sarebbe sufficiente spostarsi con le frecce sul primo premere invio e selezionare dal menu che uscirebbe il floppy. Fatto ciò salvate ed uscite.

Procedere all’aggiornamento

Riepiloghiamo un po’ i passi precedenti: abbiamo creato il dischetto d’avvio, abbiamo scaricato il file .bin ed il flash, li abbiamo messi entrambi sul floppy, abbiamo controllato che la scheda madre accetti il nuovo bios senza pensare che sia un virus o un’operazione non consentita.
Abbiamo controllato che il boot del pc parta dal floppy Cosa ci manca ancora? L’aggiornamento! PARTIAMO!
Inseriamo il floppy ed avviamo il PC. Ora il pc leggerà il dischetto e farà partire una sessione di dos. Al termine vi troverete davanti ad una schermata nera con una lettera A: ed un cursore che lampeggia




Adesso digitare il comando DIR + INVIO



Per chi non lo sapesse questo è il comando per vedere la lista dei file presenti nella directory selezionata, poi prendete carta è penna e scrivete il nome dei file flash e bios.
In figura 14 è visualizzato il contenuto del floppy che il comando DIR + INVIO a trovato all’interno.



Ricordate che il flash è sempre un file .exe “eseguibile” mentre gli altri file sono un .bin “binario” (in questo caso .360) e gli altri file sono invece necessari per l’avvio del pc. Digitate precisamente il nome del file .exe in questo caso awfl822a e premete invio, la sessione d’aggiornamento del bios partirà automaticamente. La prima cosa che il flash farà sarà quella di controllare la sua compatibilità con quello già installato nella scheda madre; subito dopo vi chiederà se siete sicuri di voler aggiornare il bios. Voi premete YES. Fatto ciò il Flash vi chiederà di inserire il nome del file che ha l’aggiornamento in questo, caso dovremmo scrivere w6330vms.360
ATTENZIONE SI DEVE METTERE ANCHE L’ESTENSIONE DEL FILE CIOE .360 o .BIN
Fatto questo il flash controllerà che esista nel floppy il sopraccitato file e se tutto è ok vi chiederà VUOI FARE UNA COPIA DEL TUO ATTUALE BIOS?
CLICCARE YES!
Poi vi chiederà il nome che volete assegnargli. Una volta salvato il vecchio bios partirà il vero aggiornamento ed il programma Flash farà tutto da solo. Conclusa l’operazione uscirà una scritta dove vi si chiede di riavviare il pc.

SPIEGAZIONI CONSIGLI

Molti si chiederanno perché salvare il vecchio bios ? Semplice…… durante l’operazione di aggiornamento può andare storto qualcosa per svariati motivi. Avere quindi il vecchio bios può portare il pc alle condizioni di precedente all’operazione. Un ulteriore consiglio: non aggiornate MAI il bios durante un temporale perché se dovesse mancare la luce o un calo di tensione passasse sulla vostra linea c’è il rischio concreto di dover buttare o portare in assistenza la scheda madre.In ogni caso se l’aggiornamento è andato bene sarà facile intuirlo dato che il pc verrà riavviato e sarà eseguito il boot del sistema operativo. Un’operazione importante è quella che nel momento in cui finito l’aggiornamento si riavvia il pc voi dovete entrare nel bios subito e selezionare una voce dallo stesso
LOAD SYSTEM DEFAULT
LOAD OPTIMIZED DEFAULT
In funzione del tipo di bios come da figura 15



Questo comando serve a rimettere tutte le voci del bios nella migliore posizione in funzione anche del nuovo aggiornamento poi se tutto è ok al riavvio il vostro aggiornamento sarà finito.

PROBLEMATICHE SULL’AGGIORNAMENTO

Può accadere che qualcosa vada storto ma se seguirete scrupolosamente i consigli scritti eviterete di buttare il pc, la cosa peggiore che può capitare in fase d’aggiornamento è quella di sbagliare il file .bin con un altro questo comporterà buttare il chip EEPROM e acquistarne uno nuovo, cali di corrente chip nuovo o scheda madre nuova dipende………., può non avvenire l’aggiornamento perché non si è seguito il manuale passo passo, può darsi che si sia installato un bios BETA, che significa che è in fase di test da parte del produttore della scheda madre, e che la stessa non funzioni bene, con blocchi del pc inspiegabili o schermate blu da parte di windows.
Per risolvere un aggiornamento che non vi soddisfa fatte la stessa procedura d’aggiornamento sostituendo il file nuovo con il file OLD in altre parole quello che avevate prima.

CONSIGLI FINALI

Se il pc non riparte e non è possibile ripristinare nulla ci sono solo 3 rimedi

1- STACCARE TUTTE LE PERIFERICHE MODEM HARD DISK CDROM SCHEDA VIDEO INSOMMA TUTTE E PROCURARSI UNA SCHEDA VIDEO ISA CHE è QUELLA CHE SI USAVA CON I PC 386 E TENTARE DI FARE L’AGGIORNAMENTO CON IL FILE OLD

2- TROVARE UN AMICO CHE HA LA STESSA SCHEDA MADRE FARLA PARTIRE STACCARE IL CHIP EEPROM MOTARLO SUL PROPRIO PC AVVIARE IL VOSTRO PC AVVIARE L’AGGIORNAMENTO BIOS STACCARE IL CHIP DELL’AMICO METTERE IL VOSTRO ESEGUENDO SEMPRE L’AGGIORNAMENTO DA FILE OLD,QUEST’OPERAZIONE SI CHIAMA A CALDO MA LA SCONSIGLIO VIVAMENTE A TUTTI I NEOFITI

3- METTERSI ONLINE CON IL FORUM DI PCTRIO.COM ED ANDARE NELLA SEZIONE BIOS E CHIEDERE CONSIGLI

Spero che tutto fili liscio in ogni modo nel caso sapere i rischi in cui ci si può imbattere è meglio conoscerli prima. Alcune schede madri come le Asus di nuova generazione hanno una utility chiamata LiveUpdate, questo software non fa altro, una volta installato, che identificare con precisione la propria scheda madre cercare il bios aggiornato scaricarlo ed installarlo senza effettuare tutte le operazioni che ho descritto in questo manuale.Altre schede madri come Microstar-Gigabyte hanno invece una utility che ci mette in condizione di scaricare con certezza il file .bin “bios” aggiornato, quindi poi dovremmo seguire la procedura dell’aggiornamento da soli.

Inviato "Aggiornare il Bios" da Digg Inviato "Aggiornare il Bios" da del.icio.us Inviato "Aggiornare il Bios" da OkNotizie Inviato "Aggiornare il Bios" da Google Inviato "Aggiornare il Bios" da Twitter Inviato "Aggiornare il Bios" da Friendfeed Inviato "Aggiornare il Bios" da Bitly Inviato "Aggiornare il Bios" da Livejournal Inviato "Aggiornare il Bios" da Facebook

aggiornamento da 8th January 2010 a 18:21 di GuidebyPCtrio

Categorie
Hardware
Home  |   Software  |   Drivers  |   Guide  |   Sicurezza  |   Area gestione
Created by - best view 1024x768 and over. - C.F. 92048990524
PCTrio McAfee PCTrio AVG PCTrio Norton PCTrio Google